IL PORTFOLIO
 

Introduzione
Il porfolio non è una semplice raccolta di materiali prodotti, né di compiti eseguiti: è una selezione dei materiali commentata e permette di descrivere le competenze acquisite, il percorso che ha portato alla acquisizione delle competenze, la costruzione di consocenza prodotta dal singolo studente.
È necessario individuare finalità ed indicatori per comprendere quali materiali selezionare e perché.

Portfolio del percorso di apprendimento del corso di Teoria e metodi:

finalità:
acquisire modalità di progettazione

materiali:
1 momenti critici, eventi, momenti significativi del percorso teorico;
2 momenti critici, eventi, momenti significativi della esperienza di tirocinio;
3 i concetti chiave, le loro definizioni e la modalità operativa che lo studente ritiene valida per progettare (sintesi finale del percorso).

Il porfolio si articola in quattro parti

1-      PERCORSO TEORICO
Selezione di documenti raccolti a lezione o a tirocinio indiretto e le motivazioni per cui sono stati selezionati. (Dei documenti che non possono essere inseriti in rete vanno inseriti il titolo ed una brevissima descrizione [una riga di testo]. I documenti possono essere:
-  lucidi,
-  appunti, frasi, mappe,
-  riferimenti a sussidi, libri, pagine html,
-    attività, interventi del tirocinio indiretto,
-    interventi a lezione, laboratorio, rete di studenti, supervisori e docenti.
Questa selezione va fatta in base a ciò che ognuno ritiene significativo per il proprio percorso e ogni scelta va motivata.

I documenti scelti non debbono essere moltissimi e debbono indicare momenti significativi nella acquisizione dei contenuti; vanno scelti quei materiali che si ritiene abbiano permesso un salto di qualità all’apprendimento.

2 - PRODUZIONE ovvero L’ESPERIENZA DEL TIROCINIO
I materiali in portfolio debbono documentare come l’esperienza del tirocinio diretto abbia inciso (rinforzato o modificato o personalizzato) gli apprendimenti teorici e come l’esperienza di tirocinio abbia influito sulla modalità di costruire un proprio concetto/percorso di progettazione. Ripeto: il portfolio non è la descrizione o la relazione del tirocinio ma deve descrivere quali passaggi del tirocinio abbiano avuto importanza e modificato le idee che il singolo studente si era costruito sulla progettazione.
Questa parte del portfolio potrebbe essere strutturata come un diario in cui sono riportati i momenti significativi (per lo studente universitario) o come un foglio di annotazioni da allegare alla relazione del tirocinio. Ogni nota riporterà come quel passaggio del tirocinio abbia modificato il proprio concetto di progettazione didattica.
Il sistema di annotazioni serve a far capire che si sta documentando il proprio percorso, quindi deve contenere le proprie metariflessioni: cosa ci aspettavamo dagli studenti e cosa invece è emerso, cosa pensavamo di riuscire a fare ed invece...
Questa sezione del portfolio deve quindi testimoniare l’effetto dell'esperienza sulla concezione di progettazione, quelli che sono stati gli eventi ed il motivo per cui il singolo studente li ritiene significativi nel proprio percorso di apprendimento.

3 -      CONCETTI e MODALITA’ OPERATIVE
È il passaggio finale. Dal corso, dal tirocinio e dall’esperienza lo studente è arrivato a definire:
A] i concetti chiave per progettare; le definizioni e le relazioni tra gli stessi. Occorre produrre una raccolta di concetti chiave (scelta e motivazione) e per alcuni trovare una definizione, la quale può anche essere ricavata da un autore (risultato di ricerca ), l’importante è che emerga sempre il fattore personale. I materiali debbono esprimere una forte personalizzazione: non ripetere in modo meccanico le definizioni, ma formulare definizioni personalizzate o definizioni trovate in testi o in rete che ci sembrano significative.
B] le modalità operative che il singolo studente ritiene siano adatte per produrre progettazioni didattiche.

4 - METARIFLESSIONE [il punto 4 va svolto nell'apposita scheda in rete].
La sintesi ed il contributo: vanno indicate le difficoltà incontrate, i problemi emersi nel corso e nel tirocinio e le modalità di soluzione, i problemi rimasti aperti o che non hanno avuto una significativa risposta. Si richiede di riempire una scheda divisa in 3 campi: Problemi emersi la soluzione dei quali ha rinforzato le proposte del corso, Problemi emersi e superati con soluzioni personalizzate, Problemi rimasti irrisolti alla fine del corso.
Elementi guida per il punto [a]: progettazione - programmazione, ruolo dell’ascolto, didattica-disciplina, mediatori, quantità - qualità, percezione dell’apprendimento degli studenti, intervista studenti anno precedente.

SUGGERIMENTI OPERATIVI
Per i punti uno, due e tre: iniziare nel web forum un argomento con il proprio nome e cognome; nel filo inserire un messaggio per ogni documento che si ritiene di voler evidenziare e per ogni nota da inserire nella relazione del tirocinio.
Per il punto quattro è inserita una scheda con i tre campi da riempire.
E' possibile inserire in ogni portfolio anche di altri commenti a quanto inserito.