Scheda II : descrizione cinematica

In questa scheda si costruisce gradualmente la consapevolezza che il fenomeno del rimbalzo può essere idealmente suddiviso in due problemi distinti, da trattare in maniera separata: il moto in aria (la caduta e la risalita di un grave) e l'interazione tra i due sistemi pallina e pavimento. Tale suddivisione del problema non è una conseguenza strettamente logica dei risultati dell'attività sperimentale svolta nella scheda I: ad esempio, sarebbe necessario misurare anche i tempi di caduta della pallina per arrivare a tale conclusione. Si ragiona pertanto sulle caratteristiche fisiche del fenomeno per introdurre le ipotesi necessarie ad interpretare il moto e si punta a costruire un'esperienza di come la formulazione di modelli del fenomeno possa venire ispirata dallo studio delle regolarità, anche approssimate, contenute nei dati sperimentali ed interpretate alla luce di una teoria appropriata.

Ciò viene fatto per piccoli passi successivi, rimanendo sul piano del suggerimento all'indagine, in modo che lo studente effettui una personale riflessione sui problemi e guadagni conoscenza dalle proprie valutazioni. Per questo motivo è adatta ad essere assegnata come compito a casa.

La costruzione graduale delle relazioni cinematiche del moto è suggerita alla luce dell'esame delle forze agenti, soprattutto nella fase di caduta e di risalita della pallina. La conclusione dell'attività apre il problema interpretativo dell'interazione della pallina con il pavimento, in relazione al coefficiente di restituzione.