Home » Search

Risultati della ricerca

n. 55 marzo/aprile 2008 »

[21 mar 2008 | di Stefano Cacciamani, Università della Valle d’Aosta | ]

Nel 2003 l’Università della Valle d’Aosta avviava a livello sperimentale i primi tre corsi on line della sua giovane storia (1). Uno di questi era dedicato all’insegnamento di Psicologia dello Sviluppo, del quale chi scrive era docente. La scelta di attivare la formazione on line nell’Ateneo nasceva dall’intenzione di farsi carico delle esigenze degli studenti lavoratori iscritti che, non potendo frequentare le lezioni dei corsi diurni, avrebbero così potuto accedere ad un’offerta formativa personalizzata, a misura delle loro necessità.

Era un primo passo che intendeva porre seria attenzione alle molte sollecitazioni …

n. 55 marzo/aprile 2008 »

[21 mar 2008 | Stefano Cacciamani, Università della Valle d’Aosta | ]

Con riferimento ai principi della Knowledge Building Community (Scardamalia, 2002; Cacciamani e Giannandrea, 2004), il contesto formativo che abbiamo costruito all’Università della Valle d’Aosta nei corsi on line è orientato a sostenere una “Comunità di ricerca blended”, che integra attività a distanza e in presenza . Ne consegue che a livello di progettazione non si tratta solo di organizzare materiali ed attività secondo una scansione logico-temporale, ma anche di favorire lo sviluppo, da parte degli studenti, di una diversa prospettiva del lavoro sulla conoscenza (Scardamalia e Bereiter, 2006). Tale lavoro, …

n. 55 marzo/aprile 2008 »

[21 mar 2008 | Alessandra Coscarelli e Stefano Cacciamani | ]

Knowledge Forum, (KF da qui in avanti) è un ambiente di collaborazione on line creato per supportare il lavoro di una comunità che opera in modalità blended (Ligorio, Cacciamani e Cesareni, 2006), ovvero integrando attività a distanza ed in presenza. Le sue origini risalgono al 1983, quando il gruppo di ricerca dell’Università di Toronto coordinato da Carl Bereiter e Marlene Scardamalia mise a punto un primo prototipo di ambiente on line, che all’epoca si chiamava CSILE (Computer Supported Intentional Learning Environment), e lo sperimentò in un corso universitario (Scardamalia, 2003).
KF …

n. 39 novembre 2005 »

[20 nov 2005 | Stefano Cacciamani, Università della Valle d'Aosta Beatrice Ligorio, Università di Bari Paola Spadaro, Università di Bari Donatella Cesareni, Università di Roma Bianca Maria Varisco, Università di Padova | ]

Blended learning per un modello di associazione e di ricerca

Oggi il rapporto tra tecnologie e teorie psico-pedagogiche sembra essere alquanto peculiare: da …

n. 39 novembre 2005 »

[20 nov 2005 | Stefano Cacciamani, Referente di Ateneo per l'E-learning - Università della Valle d'Aosta Mariella Luciani, Cultore della materia e tutor on line - Università della Valle d'Aosta | ]

La formazione on line avviata tre anni or sono presso l’Università della Valle d’Aosta ha sviluppato un modello ispirato alla “Knowledge Building Community” (Bereiter, 2002; Bereiter e …

n. 27 maggio 2004 »

[27 mag 2004 | di M. Beatrice Ligorio, Stefano Cacciamani e D. Cesareni | ]

I forum costituiscono ormai una realtà importante della rete e continuano ad …

n. 27 maggio 2004 »

[27 mag 2004 | Stefano Cacciamani (s.cacciamani@univda.it) Università della Val D'Aosta | ]

Si avverte da più parti la necessità di sistematizzare metodi di indagine che consentano di analizzare quel particolare ambito di ricerca rappresentato dall’interazione di una comunità entro un webforum. Sempre più diffuse sono infatti, in questo settore, le ricerche che, utilizzando metodi sia di tipo qualitativo che quantitativo (Ligorio, 2002; Cesareni e Pascucci, 2004; Cacciamani, 2003) cercano di analizzare la complessità di tali interazioni, scegliendo diverse variabili o unità di analisi, orientandosi a rilevare l’emergenza di diversi fenomeni conversazionali o legati all’attività di costruzione di conoscenza.
Scopo del presente articolo …

n. 25 marzo 2004 »

[25 mar 2004 | Stefano Cacciamani (s.cacciamani@univda.it) Università della Valle d'Aosta | ]

Il modello Knowledge Building
L’università italiana sta vivendo in questi ultimi anni una progressiva …

n. 18 febbraio 2003 »

[18 feb 2003 | di Stefano Cacciamani Università di Macerata s.cacciamani@univda.it | ]

Introduzione
Si vanno gradualmente sempre più diffondendo anche in Italia esperienze on line nel mondo della formazione degli adulti (Calvani e Rotta, 2000). L’estendersi di tale fenomeno appare in primo luogo dovuto a cambiamenti radicali nell’idea stessa di formazione (Orefice, 1997). In passato il percorso formativo dell’individuo occupava infatti il periodo della vita che precedeva l’ingresso nel mondo del lavoro, con lo scopo di fornire tutti gli strumenti necessari per attrezzare ogni persona ad affrontare efficacemente tale transizione; negli ultimi anni abbiamo invece assistito ad un necessario ripensamento della formazione che …

n. 16 dicembre 2002 »

[16 dic 2002 | di Stefano Cacciamani (Università di Macerata), Lorella Giannandrea (Università di Macerata), Pier Giuseppe Rossi (Università di Udine) | ]

Introduzione
La formazione on line ha assistito ad un progressivo utilizzo delle reti telematiche, anche nelle forme di computer conferencing, caratterizzandosi per il fatto di rendere Internet uno spazio di interazione sociale e di collaborazione (Talamo, 1998; Calvani e Rotta, 1999; 2000; Rossi, 2000). Nelle esperienze formative che si vanno via via diffondendo si parla ormai di veri e propri “ambienti” che mettono a disposizione diversi strumenti comunicativi e di lavoro (email, webforum, chat, siti web, ecc..) attraverso cui i membri di quella che si costituisce come una comunità di collaborazione …