Home » n. 6 dicembre 2001

SCIENZAonLINE Parliamo di scienza, parliamone con esperti, parliamone in rete

6 dicembre 2001 | di Elisabetta Falchetti (Museo Civico di Zoologia, Roma) e Alessandra Sperduti http://www.comune.roma.it/scienzaonline

Lo sportello telematico “SCIENZAonLINE” è nato due anni fa, da una collaborazione tra il Museo Civico di Zoologia del Dipartimento Cultura del Comune di Roma e l’Isituto di Psicologia del C.N.R. Entrambi questi enti si occupano di formazione scientifica: il Museo, in quanto Istituzione che ha tra i suoi obiettivi la ricerca scientifica e la divulgazione della Scienza e L’Istituto di Psicologia, in quanto conduce ricerche sull’apprendimento ed i contesti educativi. L’idea è quella di offrire, attraverso un sito internet, uno spazio virtuale per l’ incontro ed il dialogo attivo tra cittadini e comunità scientifica.
Gli obiettivi primari del progetto si possono così riassumere:
1) avvicinare i cittadini alla cultura scientifica;
2) fornire, attraverso il sito, contenuti ed esperienze che abbiano una valenza di formazione scientifica;
3) invitare gli scienziati a svolgere un ruolo attivo di mediatori tra saperi scientifici e cultura comune;
4) offrire un riferimento attendibile per i problemi di “scienza della vita quotidiana”.

La storia di SCIENZAonLINE
Dopo una fase di progettazione alla quale hanno contribuito Silvia Caravita (C.N.R.), Elisabetta Falchetti (Museo di Zoologia), Maria Rosaria Manco (Link s.r.l.) ed Alessandra Sperduti (esperta in “New media e Comunicazione”), è stato chiesto ed ottenuto un finanziamento al Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica. Con questo contributo è stato realizzato il sito, dalla Link s.r.l. di Roma, con la collaborazione di Massimo D’Adamo, professionista grafico. Diversi scienziati e ricercatori nelle varie discipline scientifiche sono stati chiamati a far parte dell’équipe degli esperti. Questi, che quotidianamente rispondono alle domande dei cittadini, sono oggi più di 100.
SCIENZAonLINE è in rete dalla fine di dicembre 1999, con tutti i servizi già funzionanti. Da questa data, ad oggi, ha registrato un incremento costante nel numero degli utenti. Sono costantemente aumentate anche le domande ricevute nel servizio Esperti online (in circa due anni di attività, gli esperti hanno risposto a quasi 600 domande). Dopo la fase di avvio, dedicata soprattutto a rispondere ai quesiti dei cittadini, molta attenzione è stata dedicata alle proposte di esperienze formative, attraverso “occasioni” di contatto con la Scienza sotto forma di attività e schede, la preparazione delle quali coinvolge quotidianamente scienziati ed esperti di comunicazione e didattica.
Dopo il primo anno di funzionamento anche la struttura informatica è stata aggiornata e potenziata, ed è stata introdotta una newsletter a cadenza mensile, per mantenere vivo il legame creato con gli utenti.
Oggi SCIENZAonLINE ha una redazione fissa di tre persone: Elisabetta Falchetti, Anna Santaniello (naturalista, collaboratrice esterna) ed Alessandra Sperduti, che quotidianamente coordinano il servizio degli esperti, raccolgono informazioni, preparano e selezionano proposte di attività. Il Museo Civico di Zoologia fornisce risorse finanziarie e logistiche per la gestione ed il mantenimento del sito.
Nell’anno 2001 SCIENZAonLINE è stato vincitore del Premio Nathan del Comune di Roma, come “proposta esemplare di miglioramento dei servizi ai cittadini”. Il premio in denaro, ricevuto dalle banche Sponsor del Comune di Roma è stato utilizzato per incrementare il settore Attività.

Come è organizzato SCIENZAonLINE?
Il sito si articola in una serie di servizi:
1) ESPERTO ONLINE. Un gruppo di esperti risponde alle domande inviate dai cittadini in vari campi del sapere scientifico e tecnologico.
2) FORUM. Spazio di dialogo su problemi scientifici, anche proposti dagli utenti.
3) NOTIZIE. Informazioni su mostre, convegni, libri, CD-ROM, giochi ed iniziative varie che riguardano la scienza.
4) LINK. Una sezione che suggerisce altri siti scientifici nei quali è possibile fare ed apprendere la scienza in modo interattivo, attraverso attività, giochi, quiz.
5) ATTIVITA’. Uno spazio che propone attività scientifiche preparate dagli esperti di SCIENZAonLINE, per riflettere su concetti e problemi della Scienza “vicini” e “lontani”.
6) SCHEDE TEMATICHE. Ogni mese viene pubblicata una scheda (con un percorso interattivo) su un argomento scientifico.

La scelta dei servizi è coerente con gli obiettivi. Il sito mira quindi soprattutto allo sviluppo del dialogo, attraverso i servizi dell’Espero online e del forum; si propone inoltre, come uno spazio che punta ad una elevata qualità dell’informazione e della proposta formativa, con i servizi delle notizie, attività, link e schede.
L’approccio degli esperti sia nel formulare le risposte, sia nel proporre esperienze, nel complesso vuole stimolare gli utenti ad interrogarsi in modo attivo e riflessivo sui problemi scientifici, dal livello personale e quotidiano al livello generale.

Chi sono i destinatari di SCIENZAonLINE?
Il sito è aperto a tutti i cittadini, di ogni età e livello culturale, con particolare attenzione agli utenti più giovani, ancora in età scolare. L’utenza di SCIENZAonLINE oscilla tra i 7 ed i 70 anni di età; è costituita da utenti di sesso maschile e femminile, da studenti, insegnanti, impiegati, ma anche pensionati, casalinghe, commercianti, ecc. Per quanto riguarda la distribuzione di età degli utenti, abbiamo già sottolineato l’ampio intervallo che la caratterizza; la classe d’età più rappresentata è quella che va dai 20 ai 30 anni, dato che riflette, almeno in parte, la distribuzione di età degli utenti generici di internet. Nel corso dei mesi di attività, abbiamo tuttavia rilevato un sensibile incremento delle categorie più giovani e più anziane.
SCIENZAonLINE, è partito con l’intenzione di diventare un punto di riferimento locale, per i cittadini romani (in quanto gestito da una struttura del Comune di Roma); ma il dialogo, nel corso dei due anni di attività, si è esteso alla maggior parte del territorio nazionale: ben oltre il 60% delle utenze proviene attualmente da città diverse da Roma. L’utenza è oggi ripartita praticamente su tutto il territorio nazionale e la fedeltà degli utenti aumenta costantemente.

Cosa chiedono i cittadini a SCIENZAonLINE?
Il 30% circa dell’intero campione delle domande ricevute, riguarda gli animali: in particolare, sono molte le richieste di aiuto per lo svolgimento di tesine e tesi di laurea, molte le domande su come allevare animali tenuti in casa, molti infine i quesiti di puro interesse scientifico.
Particolarmente numerose anche le richieste di informazioni su aspetti di fisica, matematica, ecologia, astronomia, etologia, salute.
In linea generale, sommando il numero dei quesiti su argomenti di carattere biologico/naturalistico, si ottiene una percentuale molto elevata. Per contro, domande che toccano le scienze esatte (fisica, chimica, matematica) o aspetti tecnologici, sono meno numerose.
Quest’ultimo gruppo di domande viene inviato di preferenza da utenti di sesso maschile.

Quali sono i motivi che spingono l’utente a rivolgersi al servizio Esperti online?
Gli utenti si rivolgono agli esperti alla ricerca di: informazioni su aspetti molto specifici o più generali, pareri autorevoli, consigli pratici (come quelli che riguardano l’allevamento di animali domestici), orientamento negli studi o nel lavoro, aiuto nella ricerca di fonti di informazione, quali siti internet, libri e pubblicazioni varie.

Speranze e progetti per il futuro
Il progetto SCIENZAonLINE è in corso da 24 mesi e si spera di poterlo stabilizzare. Ha infatti buone potenzialità per crescere ancora e diventare un punto di riferimento stabile e significativo per i rapporti in rete, tra cittadini e cultura scientifica.
Può inoltre produrre dati interessanti, in quanto rappresenta un osservatorio di monitoraggio delle conoscenze, degli atteggiamenti e delle attese dei cittadini nei confronti della Scienza. Ogni sei mesi, vengono aggiornati dalla Redazione di SCIENZAonLINE i dati sul numero, profilo degli utenti, la provenienza, l’età, la professione, la loro fedeltà, i motivi delle loro richieste, le statistiche degli argomenti più richiesti ecc… Questi dati possono costituire una base di discussione, per pianificare operazioni ed interventi sia in campo formativo che gestionale.

Quali sono le caratteristiche innovative di SCIENZAonLINE?
Il progetto non ha precedenti nelle pubbliche Amministrazioni, sia come produzione di servizi di elevata formazione culturale in rete, che per le tecniche utilizzate.
Le innovazioni maggiori sono:
- aver offerto un contatto con una realtà problematica e ostica, come quella scientifica, utilizzando linguaggi e strumenti adeguati alle esigenze “personali” dell’utenza
- aver offerto una reale possibilità di partecipazione all’utente, indipendentemente dall’età e formazione culturale; questi può infatti inviare domande, intervenire al forum, ecc.
- aver scelto il “dialogo” diretto con l’utente e non l’informazione mediata e filtrata
- aver messo “in rete” questo tipo di servizio (informazioni, spiegazioni, consigli ed esperienze formative) quasi assente nella realtà telematica nazionale; questo facilita il contatto degli utenti con gli scienziati e d’altra parte permette agli scienziati ed agli educatori di raggiungere gli utenti anche a casa, a scuola e nei luoghi di lavoro
- aver costruito un sito di “facile navigabilità”, lineare nella grafica e nella strutturazione dei servizi
- aver utilizzato un partenariato tra pubblica amministrazione e specialisti di diversa estrazione (docenti universitari, ricercatori, esperti del C.N.R., informatici, ecc.), al servizio diretto dei cittadini e per la loro formazione socioculturale.

Perché SCIENZAonLINE si differenzia da altri siti di informazione scientifica?
1) prima di tutto perché è in lingua italiana e propone anche attività in lingua italiana, rispondendo all’esigenza di integrare nella nostra realtà nazionale la cultura scientifica;
2) non seleziona e non scarta le domande degli utenti; risponde a tutti, rispettando esigenze di sapere, diversi modi di esprimersi e di confrontarsi;
3) dialoga sia sugli aspetti culturali della formazione scientifica, cioè sul “sapere scientifico”, sia sulla scienza della vita quotidiana;
4) risponde con l’intenzione di indirizzare, sensibilizzare ed orientare nel campo scientifico; 6) propone più risposte e più punti di vista dei vari esperti, alle domande ed ai problemi posti dai cittadini, per dare maggiori occasioni di riflettere e meditare.


<< Indietro