Home » Archive

Annata n. 60 gennaio/febbraio 2009

n. 60 gennaio/febbraio 2009 »

[1 gen 2009 | di Marco Guastavigna * ]
One laptop per child, digital divide e computer nei percorsi formativi  ...
[1 gen 2009 | Eleonora Panto, CSP di Torino, si occupa di progetti di innovazione tecnologica ed è autrice di varie pubblicazioni a stampa e digitali. ]
L’idea visionaria Sostenere che Internet, la banda larga e i computer a basso costo abbiano cambiato il modo in cui lavoriamo e in cui viviamo è ormai piuttosto scontato, se non fosse che questa affermazione è vera ...
[1 gen 2009 | Marco Guastavigna, docente di scuola superiore, formatore ed autore di numerose pubblicazioni a stampa e digitali, tiene traccia delle proprie attività in www.noiosito.it ]
Analizzare XO da un punto di vista ergonomico non è affatto semplice, soprattutto se non ci si limita alla prima impressione: la premessa sembra smentire il titolo, ma – per comprendere – è necessario proseguire con la lettura. Pur con ...
[1 gen 2009 | Dario Zucchini, docente esperto di innovazione tecnologica e didattica dell’ ITI Majorana di Grugliasco ]
Proporre una scheda tecnica per il laptop di Negroponte è davvero una rarità editoriale: quasi tutti i siti e le riviste del settore ne parlano quasi esclusivamente basandosi su comunicati stampa e dichiarazioni, citandone caratteristiche dal sapore leggendario, come batterie ...
[1 gen 2009 | Paola Limone, Insegnante di scuola primaria, esperta di di navigazione consapevole da parte dei bambini e di accessibilità degli ambienti digitali ]
Il compito Lo scorso anno scolastico io ed i miei allievi della quarta A abbiamo avuto in classe per alcune settimane due XO acquistati negli Usa e quindi con interfaccia in inglese. I bambini avevano l’esplicito incarico di: - provare la dotazione software ...
[1 gen 2009 | Giulio Spagnoli, docente di scuola superiore, utilizzato presso l’Ufficio Scolastico Provinciale di Brescia, referente per le ICT e Coordinatore delle attività del “Progetto XO” ]
L’idea iniziale Per quanto strano e paradossale possa sembrare, l’idea di introdurre il computer XO in alcune scuole bresciane non nasce dal mondo della scuola; e questo certamente può rappresentare al tempo stesso uno stimolo, ma anche un limite. Iniziative esterne ...
[1 gen 2009 | Raffaella Berlucchi, Docente in una IV classe della scuola Primaria “Martiri Libertà” dell’Istituto Comprensivo Chiari ]
La mia è una scuola elementare di provincia situata a ridosso del centro storico di Chiari ed io insegno in una classe quarta. È stato relativamente facile accettare con entusiasmo l’invito a partecipare al progetto OLPC promosso dalla provincia di ...