Glossario

  1. A
  2. B
  3. C
  4. D
  5. E
  6. F
  7. G
  8. H
  9. I
  10. J
  11. K
  12. L
  13. M
  14. N
  15. O
  16. P
  17. Q
  18. R
  19. S
  20. T
  21. U
  22. V
  23. W
  24. X
  25. Y
  26. Z

 

Rilevamento delle risposte di un gruppo o di una classe allo scopo di fare emergere delle strategie, come avviene usando un questionario pedagogico

Il concetto di intersoggettività, ha avuto ampia trattazione in ambito fenomenologico. Essa rappresenta una realtà-evento che struttura l’essere nel mondo dell’uomo, il suo costituirsi nel “noi”. L’intersoggettività comporta che due o più persone condividano almeno una parte di significato. L’intersoggettività si può definire come un processo che si sostanzia della mediazione corporea, resa efficace dalle evidenze sensoriali, e che dilata la sensazione soggettiva in orizzonte di senso, anche condiviso. Dall’analogia dei corpi viventi, infatti, deriva il possibile confronto con il vissuto dell’altro. Vi è in-tesa perché le due o più soggettività sono in tensione.
Secondo un approccio socioculturale allo sviluppo cognitivo, l’intersoggettività sottolinea l’importanza che l’avere una base comune e condivisa di scopi ed interessi tra individui, riveste nei processi evolutivi e nell’apprendimento. Essa può, quindi, rappresentare l’opportunità di connettere il noto al nuovo e conseguentemente, di ampliare la conoscenza, attraverso la costruzione concordata di significati nelle situazioni vissute. In questo senso, l’intersoggettività riconosce la facoltà alle relazioni stabilitesi tra gli attori e i contesti, di modificarsi e modificarli incessantemente, influenzandosi attraverso un continuo processo evolutivo.
In una prospettiva pedagogico-didattica, questo comporta la traduzione in essere di processi formativi rivolti alla valorizzazione della relazione ed alla conseguente apertura alla possibilità delle intenzionalità che si incontrano e che generano significati e contesti co-costruiti.

IP

Indirizzo a 32 bit (definito dall’Internet Protocol in STD 5, RFC 791) assegnato ad un host. Comunemente rappresentato in notazione punto-decimale, ad esempio: 195.191.100.100. Gli indirizzi IP sono numerici, ma molto spesso hanno una traduzione in caratteri, tipo www.virgilio.it. La corrispondenza tra indirizzi numerici e alfabetici viene mantenuta da appositi computer detti Name Server. La traduzione da indirizzo alfanumerico a IP è fatta dai DNS.